WhatsApp
Chatta con noi!

L’ALBANIA LEGALIZZA LA MARIJUANA

l'albania legalizza la marijuana

Anche l’Albania legalizza la marijuana ad uso medico e industriale dopo le recenti legge varate dagli Stati di Malta e del Lussemburgo. Sperando sia solo l’inizio di un effetto dominio per la regolamentazione della cannabis in tutto gli Stati Europei.

Il Parlamento albanese ha approvato infatti la legge sulla produzione di cannabis ad uso medico e scopo industriale della cannabis. Con 69 voti a favore contro i 23 e 3 astenuti, è SI all’erba.

Il governo appunto ha consultato la popolazione su vari temi di importanza nazionale. Tra questi ritroviamo il tema della marijuana e a tal proposito, il governo ha appurato che la maggior parte della popolazione è a favore della coltivazione e l’esportazione di tale pianta.

L’ALBANIA LEGALIZZA LA MARIJUANA- LE MOTIVAZIONI

Uno dei motivi principali è contrastare il traffico illecito e la criminalità organizzata.

Ormai da decenni la criminalità trae grandi profitti dal commercio illegale di questa pianta e dei suoi derivati. Ricordiamo infatti che l’Albania è da sempre uno degli stati con il maggior numero di piantagioni illegali di marijuana, che sono esportate sul mercato nero in tutta Europa, tra cui l’Italia.

Ma non solo la criminalità, un altra motivazione che ha portato all’approvazione è la sanità nazionale. Infatti grazie ad una produzione statale e una filiera controllata si eviterà il consumo dei fiori con sostanze dannose e pesticidi solitamente usate per “tagliare” la cannabis.

Oltre ai fattori di criminalità e di sanità, un altro fattore che ha inciso molto è stato quello economico. Infatti, con la legalizzazione, si vedrà un aumento dei posti di lavoro e grandi entrate nelle casse dello stato.

Per gestire al meglio il nuovo business dell’erba, lo stato albanese istituirà l’Agenzia Nazionale per il controllo della cannabis.

Tra i personaggi albanesi di fama mondiale che hanno dato una forte spinta per la coltivazione di cannabis troviamo Jim Belushi.

In conclusione, questi forti venti di legalizzazione partiti anni fa dall’America e ora giunti in Europa stanno portando gli Stati a rivedere le loro politiche proibizioniste che si sono rivelate fallimentari.

Speriamo che anche in Italia dopo la bocciatura del referendum sulla cannabis del 2022 rivedano questa decisione sbagliata e varino una legge conforme con gli altri stati della comunità Europea sulla coltivazione e regolamentazione della marijuana ad uso medico e industriale.

 

 

L'autore

CBDitta Team

Matteo è un cultore della cannabis, studia da anni i componenti della marijuana e i suoi benefici; si occupa della realizzazione di articoli approfonditi presenti nel blog CBDitta.


Post che potrebbero interessarti

0