H4CBD VS CBD-COS’È QUESTO CANNABINOIDE?

Pubblicato da CBDitta Team il

H4CBD VS CBD

H4CBD VS CBD

Innanzitutto, H4CBD è la forma semi-sintetica e idrogenata del CBD, chiamata anche il THD e si ottiene appunto aggiungendo 4 molecole di idrogeno al CBD.

H4CBD VS CBD

H4CBD ha proprietà anti-infiammatorie ed è 100 volte più efficace sul recettore CB1 rispetto al CBD, ma questo non significa però che il CBD sia meno potente. Quest’ultimo ha meno affinità con il CB1, addirittura può limitarne l’attività, ma se aggiungiamo 4 molecole di idrogeno, l’effetto sul recettore aumenta esponenzialmente.

Questo cannabinoide è la versione psicotropa del CBD, infatti assomiglia molto all’HHC, ma non ha un doppio legame.

Quindi H4CBD ha effetti psicotropi ?

Tale cannabinoide sicuramente è molto meno forte del THC, chi è abituato a quest’ultimo, sicuramente non sentirà effetti particolari. Chi invece utilizza solo CBD, può percepire un effetto euforico più marcato.

Ancora non sono chiari gli effetti sull’organismo che può avere l’H4CBD, bisogna aspettare più studi e ricerche per avere delle certezze. Tale cannabinoide ha una struttura simile al CBD quindi la tollerabilità sull’organismo potrebbe avere lo stesso impatto.

Sicuramente dalle ricerche emerge che, H4CBD agisce con più efficacia sul sistema nervoso rispetto al CBD, quindi potrebbe essere il CBD del futuro per utilizzi specifici.

Non contenendo THC, questo cannabinoide è comunque illegale per le sue proprietà psicotrope. Nonostante non è contenuto nella tabella degli stupefacenti in Italia, tutte le sostanze che hanno un azione sul sistema nervoso centrale e capacità di determinare dipendenza, fisica e psicologica, sono definite stupefacenti e quindi non legali. In altri stati Europei questa sostanza è legale, tranne in Cina e in un ristretto numero di paesi nel mondo che hanno vietato anche la vendita del CBD.

In conclusione, con molta probabilità, in futuro questa nuova forma di CBD idrogenata ci potrà tornare utile sia in campo medico che in quello ricreativo.

Redatto da Matteo CBDitta

Categorie: Blog

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *